Archivi tag: easy bracelet

Bracciale tennis

Standard

Sembra proprio che certe idee girino per l’aria e contagino le persone.

Da tempo avevo in mente di proporre qualcosa sul braccialetto tennis (qualcuno ricorda Chris Evert, la tennista? C’è una piccola storia dietro a lei e ad un filo di brillanti che portava al polso e da qui il nome) e per la serie “quello che riesce a me riesce a tutti” avevo cercato ispirazione e suggerimenti.  Da non credere: in almeno due continenti – Europa e America – è scoppiata la febbre del bracciale tennis e sono stata sommersa da troppi schemi e tutorial. Ho davvero faticato per restringere il campo e alla fine ho scelto due possibilità.

bracciale tennisNella foto si vede quello che ho realizzato seguendo le indicazioni dell’americana Sandra Halpenny (sui toni del miele) e dell’italiana Agape Bijouxsui toni verde/nero.

Il primo braccialetto risulta più sottile, ma secondo me resta troppo visibile il filo tra le perline, il secondo invece – leggermente più alto – ha una sequenza di castoni quadrati in cui i biconi (o le perle) si inseriscono perfettamente.

bracciale tennis particolare

Tutti e due i lavori sono  spiegati chiaramente, anche se con metodi (e lingue) diversi, facili, veloci, adatti a chi è alle prime armi e vuole realizzare qualcosa di portabile e carino.

Non vorrei apparire campanilista, ma dentro di me ho già deciso quale continuerò a produrre….

Alla prossima. T

Annunci

2014: un bel braccialetto per iniziare l’anno

Standard

Proprio così. Innanzi tutto Buon Anno e che sia un anno fruttuoso e sereno. Poi, come primo lavoretto dell’anno proporrei un braccialettino simpatico e veloce da realizzare. Dalla grande tavola di Aroundthebeadeingtable ho prelevato lo schema che permette di ottenere questo

braccialetto perline

Ho poco da commentare perchè la spiegazione è molto chiara (la si può anche scaricare in formato PDF). L’unica osservazione riguarda – al solito – la chiusura. Ho preferito applicare 2 salvafilo ad ogni estremità per poi agganciarli ad un anello. Questa foto forse è più eloquente di tante parole:

braccialetto perline particolare

Siccome le 3 yards di filo (corrispondenti a circa m. 2,70) erano più che abbondanti mi sono permessa di andare avanti ed indietro per tutta la lunghezza più volte e ogni volta aggiungevo un wire-guardian con relativi schiaccino e coprischiaccino. Il risultato mi soddisfa molto di più sembrandomi il tutto resistente al punto giusto ed anche i vari passaggi sono serviti al rinforzo generale.

Dimentico sempre di dire che chi non riuscisse proprio a districarsi con  l’inglese può contattarmi e per e-mail invierò la trascrizione che ho usato per me.

Alla prossima. T

Bracciale perline

Standard

Titolo semplice semplice per un oggetto semplice, ma d’effetto e piacevole da indossare.

bracciale perline

Ho da poco scoperta questa prolifica signora russa/americana (suppongo, visto il nome e il cognome) che pubblica a ripetizione dei video spesso interessanti.

La tecnica per realizzare questo braccialetto è praticamente uguale a quella mostrata nel post precedente, anzi ancora più immediata, perchè mancando l’inserimento di una perlina 11/0 non si forma la spirale,  ma la lavorazione procede dritta a formare una sorta di colonnina.

Il progetto originale prevede l’inserimento a mo’ di distanzieri di bugles, ma per ben due volte mi hanno tagliato il filo per cui ho dovuto ripiegare su cristalli in un colore di contrasto con il bianco dominante.

bracciale perline

Si tratta di un lavoro molto veloce e davvero senza alcuna difficoltà e lo consiglio vivamente a chi vuole realizzare qualcosa di rapido e gratificante. Tra l’altro i sottotitoli in inglese sono sintetici e chiari.

Un unico consiglio: studiare bene il rapporto filo/misura delle perline per evitare che il filo si veda troppo.

Alla prossima….Sono tornata!!!! T

Bracciale su base netted

Standard

Insomma si tratta di questi:

bracciale_su_base_netted

Ne ho parlato qualche mese fa, ma nel frattempo ho provato a rifarne due osando qualcosa di più, come il diagonale.

Devo dire subito che la mia esitazione era del tutto ingiustificata: niente di più facile – utilizzando questa tecnica di lavorazione – . Basta partire con una prima fila (in verticale)  in cui si alternano i colori e poi nelle successive guardare come si sviluppano ed inserire la  perlina (o il bicono) adeguati. Nel braccialetto a sinistra ho utilizzato perline bianche e biconi neri da 3 mm (sempre preceduti e seguiti da una 15/0), nell’altro solo biconi rosa (sempre preceduti…ecc).

Invece, la base a tecnica netted è stata realizzata tutta con delle perline 11/0 non esattamente regolari e di un colore chiarissimo  leggermente cangiante, tra il rosa ed il bianco il che ha reso questo bracciale, secondo me,  addirittura double-face perchè il retro è ugualmente grazioso come il davanti, solo meno vistoso.

Alla prossima, spero con delle novità perchè finalmente mi arriva del materiale “nuovo”. T

Bracciale a più fili

Standard

Da sempre amo le variazioni e quindi guardo con un certo interesse le nuove tendenze di realizzare braccialetti a più fili, uno diverso dall’altro . Questo ne è un piccolo esempio:

bracciale_multifilo

 

braccialetto_multifili

 

 

Pur rimanendo sulle sfumature del verde, ho agganciato su una chiusura metallica magnetizzata 5 fili di 16,5 cm l’uno  di perline, perle, chips di dimensione diversa. All’inizio e alla fine di ogni filo ho inserito schiaccino e  salvafilo (wire-guardian) che poi ho collegato alla chiusura con un anellino.

Il risultato è un oggetto disinvolto e molto portabile: insomma un evergreen in tutti i sensi.

Siccome ne ho approfittato per eliminare materiale rimasto in piccole quantità, in un caso addirittura non era sufficiente e allora ho aggiunto un inserto di cristalli trasparenti molto luminosi.  Se si deve variare….

Alla prossima. T

Braccialetti e mercatino

Standard

Avevo promesso qualche suggerimento per realizzare oggettini facili e remunerativi come soddisfazione personale ed eccone qua due esempi: i bellissimi Mingles di Sabine Lippert, (e ancora una volta devo ringraziare Lufantasygioie)

 

mingles

 

e i braccialetti ottenuti con la tecnica Nepal Chain Stitch (qui un tutorial, ma ne esistono parecchi anche con leggerissime varianti, purtroppo non ne ho trovati in italiano) leggeri, sottili ed eleganti come pizzi:

nepal_stitch1

 

Mentre per i Mingles le possibilità di combinazione sono praticamente infinite, per i secondi si può solo giocare con i colori.

Ho prodotto in abbondanza braccialetti di questo tipo perchè dovevo partecipare all’unico mercatino previsto per la stagione e, si sa, il materiale non è mai abbastanza…

 

mercatino2013

 

Guardo la foto e riconosco le mie creazioni, come fossero figli miei, anche quelli che purtroppo o per fortuna se ne sono andati via…

Alla prossima. T

Bracciali estivi (sempre facili)

Standard

Proseguendo il discorso iniziato nel post precedente, oggi mostro un piccolo esempio di bracciali decisamente estivi perchè allegri e colorati.

bracciali facile

 

Quello che li rende particolari sono le grosse sfere – molto irregolari, ma è voluto – realizzate in pasta polimerica ad effetto lava.

Ovviamente, non ne avevo mai sentito parlare, ma poi ho visto questo video  ed ho scoperto che si tratta di una tecnica vecchissima e conosciutissima. Ho approfittato di un week-end senza parenti intorno (un po’ mi vergogno di mettermi a fare questi esperimenti alla mia non verde età…) e via con il Fimo, in questi ultimi tempi troppo trascurato.

Stamattina ho ripreso il tutto in mano e ho montato le perlotte laviche su un filo memory inframmezzate da distanzieri vari; per chiudere le due estremità  ho formato con le pinze una sorta di spirale doppia e bella solida  a cui ho applicato degli anelli e la chiusura (nelle foto  ancora assente).

bracciale effetto lava

 

Alla prossima. T

 

Bracciali estivi (facilissimi)

Standard

Ecco un piccolo contributo all’estate che per ora si vede poco…

bracciali facili

 

Non credo che servano molte parole per descriverli. Sono partita da un semplicissimo chiodino – con ovviamente un occhiello ad ogni estremità –  su cui ho inserito il materiale scelto; è bastato poi  aggiungere anelli e cordini (in seta ed in camoscio)  e  e fissare una chiusura. La cosa più difficile è determinare l’esatta lunghezza per il mio polso: dei quattro campioni nessuno viene bene, o troppo lungo o troppo corto…

A parte il mio caso,  credo che l’adattabilità al polso sia il nocciolo del problema per questo tipo di braccialetti: quindi urge una soluzione. Vedremo.

Per intanto, aspettando una giornata finalmente bella dalla mattina alla sera, proseguo con gli esperimenti.

Alla prossima. T