Archivi tag: anello perline

Anelli

Standard

Adesso, con un po’ di tristezza, ma sarà anche per il tempo….torno ai lavoretti che sto completando in questo periodo. Mi sono data anima e corpo (anzi dita) agli anelli perché mi piaccono, sono veloci da realizzare e soprattutto mi permettono di lavorare con l’embroidery che amo tantissimo. Andiamo con ordine, se solo riuscissi a inserire la foto!!! anelli embroidery Diciamo che sono tutti inseriti su basi di metallo, sono tutti incastonati con qualche giro di peyote, ma questo l’ho già scritto in un altro articolo e non mi ripeto più. Volevo invece soffermarmi sui 4 centrali: come pietra ho usato delle gocce di vetro, vendute dall’Ikea come decorazione per vasi. Ne posseggo una marea, di diversi colori e ho pensato di utilizzarne qualcuna. Anche se sono leggermente asimmetriche, trovo che si prestino bene per anelli disinvolti, non troppo grandi,  ma che fanno la loro bella figura. Il quarto invece è il risultato di un esperimento, anche se l’idea non è mia originale. L’ho chiamato  “accumulazione”: si tratta di sistemare su una base, in questo caso,  delle perle di fiume le une sulle altre per poi ricoprirle con uno strato di colla (la mitica Hasulith che  asciugandosi  diventa del tutto trasparente). Il risultato è gradevole e perfezionabile con qualche piccola aggiunta…. Mi auguro di scrivere il  prossimo post in un giorno di vera estate, perché oggi, tra nuvole, nebbia, pioggia e grandine non lo sembra proprio. Buon lavoro. T

Annunci

Anello con Rivoli

Standard

L’anello è realizzato con la tecnica embroidery utilizzando delle delica 11/0 e 15/0 per l’incastonatura di un Rivoli da 12 mm e poi delle perline da 8/0 per il giro più esterno.

anello Rivoli

Comincio con il dire quello che  nella foto non si vede, cioè una base metallica che rende l’anello adattabile al dito di chi lo indossa.  Personalmente preferisco queste basi alla fascetta tutta di perline perchè mi sembrano più robuste seppure meno eleganti.

In rete ci sono tantissimi tutorial, basta cercare;  nello specifico e badando sopratutto ai particolari del montaggio ho seguito quello proposto da Offthebeadedpath. Al solito, e indipendentemente dalla lingua,  il procedimento è chiaro ed il risultato garantito. Ed è pure veloce da realizzare. Cosa desiderare di più?

Vorrei aggiungere solo un piccolo commento che forse capirà solo chi se ne intende già un po’. Nel video si vede chiudere il lavoro con una lavorazione a  brick stitch seguita da un giro in cui  con le 15/0 si formano dei piccoli picot tra perlina e perlina in modo da nascondere il filo che altrimenti si vedrebbe: viene benissimo, solo si allarga leggermente la circonferenza dell’anello rispetto alla base su verrà incollata.  Questa tecnica non mi convinceva del tutto, proprio per la proporzione anello/base: allora ho fatto qualche ricerca e ho trovato altre possibilità. Se a qualcuno farà piacere, ne parleremo in un apposito post.

Alla prossima. T

Cocktail ring

Standard

cocktail ringLe foto – lo so – non sono il mio forte e ho tanto da imparare anche su questo versante.cocktail ring

Comunque, per ora, questa è la selezione migliore.

Si tratta di un cocktail ring, un anellone molto vistoso che si dovrebbe indossare per un party, un vernissage, e altre occasioni simili che noi donne di mondo amiamo molto e soprattutto abbiamo il tempo di frequentare.

In realtà è un simpatico anello, indiscutibilmente visibile, ma proprio per questo allegro e spiritoso.

In rete basta digitare cocktail ring e appaiono moltissime  immagini e riferimenti a  siti (pochi in italiano, a occhio e croce) in cui si possono trovare spiegazioni e trarre  ispirazioni.

Per aiutare nella ricerca in questo caso ho preso lo spunto dalla solita Kelly di Offthebeadedpath e dall’ineffabile Alisha di Beadifulnights che (non so se si è capito) mi piacciono  molto e, nonostante l’inglese, riesco a seguire abbastanza bene perchè come dico spesso il linguaggio delle mani è universale.

Nota. Se masticate qualcosina di inglese e se come me capite più lo scritto che il parlato provate ad attivare – in basso a destra del video –   i sottotitoli  e poi inglese sottotitoli automatici: si tratta quasi sempre di una trascrizione fonetica, non sempre corrisponde a quello che viene detto effettivamente, ma fornisce una minima traccia per comprendere meglio. Fine della nota e mi scuso per la presunzione di dare consigli….

Nel mio caso (l’anello è quello descritto da Offthebeadedpath)  il risultato è stato spettacolare:  mi piace moltissimo, lo indosserei sempre anche per andare a fare la spesa. Ho introdotto una piccola variante non utilizzando il filo elastico, ma un filo normale da 0,2o perchè le perline che formano il retro sono delle 11/0 e per sicurezza ho ripassato tutto due volte. Naturalmente ho usato anche due aghi.

Alla prossima. T