Iniziare e finire un lavoro con le perline – Bracciale elastico

Standard

Oggi vorrei rispondere ad almeno due delle domande che vengono poste più di frequente.

La prima è  come iniziare e chiudere un lavoro fatto con le perline. Questa è la mia esperienza e come tale ve la passo.

Indipendentemente dal fatto che il mio lavoro sia interamente realizzato con le perline o che voglia limitarmi ad un segmento più corto a cui aggiungere altro materiale, per esempio delle catene da qualche tempo metto in pratica un sistema semplicissimo. Proprio all’inizio del lavoro con 6 perline 11/0   (del colore  che poi userò all’interno lavorazione o che si abbini bene e non di misura più piccola perchè bisogna ripassare più volte il filo) formo un cerchietto, un’asolina.

asolina1

asolina2

asolina3

Se è possibile unisco i due capi di filo con un cappietto (così non ho nemmeno più il problema della coda di filo ) e in ogni caso ripasso più volte per fortificare; poi inizio il lavoro normalmente.

La stessa cosa alla fine, ripassando sempre all’interno delle perline per renderle più robuste. A queste asoline attacco gli anellini che mi permettono o di terminare con la chiusura o  prolungare con  una catena.

Secondo richiesta, gettonatissima: il bracciale elastico, Ne ho già parlato e ho lasciato un link; mi è venuto in mente, però, un altro tutorial  – sempre in inglese, ma i passaggi si capiscono benissimo – con cui realizzare un bracciale piatto: veloce e di soddisfazione.

Visto che sono in tema di precisazioni, ricordo che in questo  stesso video, più o meno intorno al minuto  5 e 40 secondi si vede bene il cambio di filo che da qual momento io utilizzo sempre, con qualunque tipo di filo.

Alla prossima. T

»

  1. ciao Rita
    con Ale siamo fermi,dobbiamo vedere se domani riusciamo a prendere le urine.
    Purtroppo ho un problema serio con Lilli,caduta dal primo piano e con trauma spinale….
    Stiamo facendo terapia antiinfiammatoria e antidolorifica ed in più un farmaco per favorire la ciroclazione.
    Purtroppo non riesce a stare sulle zampe e se l’aiutiamo a camminare sostenendola,incrocia le zampe posteriori.
    Ci hanno detto di valutare bene la sua situazione….
    lu

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...