La tecnica “Cellini” schematizzata

Standard

Ho provato parecchie volte prima di ottenere un risultato accettabile. Poi ho preso carta e penna e ho cercato di capire quale fosse il passaggio più ostico: era quello di riconoscere la perlina “sporgente”. Allora ho pensato di giocare con i colori per riconoscerla con certezza e ne è uscita questa descrizione.

Perline 11/0 delica
Perline 10/0 ( + grosse)
Perle 4 mm
Filo nylon  0,25

 Sul filo inserire   6 perline 11/0  di colore    A A A A A A ,   4  perline  10/0 di colore  B B B B ,      2 perle 4 mm P P ,     4 perline 10/0  di   colore B B B B  = 16

L’importante è che le  11/0  e le 10/0  siano a giri alterni di colori diversi (ad esempio, 1° giro: nero/viola  – 2° giro : bianco/verde -3° giro nero/viola  – 4° giro : bianco/verde …) perché così è più facile riconoscere quale è la perlina sporgente (= del colore del giro precedente) in cui va inserito l’ago.

 Questo è lo schema riassuntivo

A A A A A A                 B B B B                            P P                            B B B B         a cui corrispondono nel giro seguente:

C C C C C C                     D D D D                           P P                            D D D D       

Dopo aver infilato le 16 perline   si rientra con l’ago in tutte, si fa un cerchio e un paio di nodi.  Si rientra con l’ago nelle prime 2 perline A che abbiano inserito

 1 di colore  C  sull’ago e si infila nella 4°A del giro precedente

1 di colore  C sull’ago e si infila nella 6° e ultima A del giro precedente

1 di colore  C sull’ago e si infila nella 2° B  del giro precedente

1 di colore  D  sull’ago e si infila nella 4° e ultima B del giro precedente

1 di colore  D sull’ago e si infila nella 2° e ultima perla  P del giro precedente

1 perla P  sull’ago e si rientra nella 2° B del giro precedente

1 di colore  D sull’ago e si infila nell’ ultima B del giro precedente

1 di colore D sull’ago e si rientra nella 2° A   del giro precedente insieme alla prima  C di questo giro

(Praticamente, usando 2 colori alternati a giro, si crea una sequenza alternata: se ne contano 4 dal fondo di questa sezione e le prime 2 sono quelle da cui si inizia il giro)

 II giro

 1 di colore A  sull’ago e si infila nella quartultima e prima delle  C  sporgente del giro precedente

 1 di colore A sull’ago e si infila nella 6° e ultima C  sporgente del giro precedente

 1 di colore A sull’ago e si infila nella 1°  D sporgente del giro precedente

  1 di colore B  sull’ago e si infila nell’ ultima  D sporgente del giro precedente

  1 di colore B sull’ago e si infila nell’ultima perla P  del giro precedente

  1 perla P sull’ago e si rientra nella 1°  D sporgente del giro precedente

  1 di colore B  sull’ago e si infila nell’ ultima  D  del giro precedente

  1 di colore B sull’ago e si rientra nella 2°  C del giro precedente insieme alla prima A di questo giro.

Si continua fino alla lunghezza desiderata tenendo presente che il lavoro finito risulta  piuttosto elastico.

Per finire:

Una volta raggiunta la lunghezza desiderata si continua per altri 4 giri inserendo al posto delle perle da 4 mm delle 10/0.

Si inizia un altro giro usando solo le perline 11/0.

Si inizia un altro giro facendo ogni due passaggi una diminuzione, cioè passando l’ago nella perlina successiva senza aggiungerne altre.

Nell’ultimo passaggio si passa l’ago in 3 perline.

Alla fine si passa l’ago nell’ultimo giro di perline per stringere definitivamente.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...